Childfriendly or Childless?

Mommy'sday_1

Abbiamo seguito con molto stupore sulla stampa nazionale la scelta di non ammettere i bambini “under 10” da parte di alcuni ristoratori perchè disturbano gli altri avventori. Pur rischiando, come imprenditori, vogliamo dire la nostra sul tema che come sempre può diventare argomento molto delicato, visto che in questo Paese la discussione rischia di diventare una questione tra “tifoserie”.

Quando abbiamo aperto Weedoo, lo abbiamo pensato come un luogo dove passare il tempo della cena e/o del pranzo in maniera “easy” , possibilmente,  non solo di facciata.

Come coniugare quindi le esigenze di clienti interessati al nostro genere di offerta gastronomica?

Può un ristorante essere un luogo adatto alle differenti combinazioni familiari?

Il single, la coppia, la compagnia di amici o amiche, la famiglia con bimbi, e queste “categorie” magari accompagnati dal proprio adorato cane?

Si ammettiamo non è stato facile, ma anziché fare una scelta drastica e di posizione, abbiamo cercato di sfruttare i quasi 1.000 mt quadrati delle nostre sale per attrezzare aree dedicate, in modo che tutti possano sentirsi a loro agio senza urtare la sensibilità altrui. Certo, uno studio del genere non si improvvisa e ci abbiamo messo del tempo ma da 6 mesi, quando arrivate da Weedoo-Limena, (magari escluso il sabato dove non sappiamo più dove far sedere i nostri clienti 🙂 ), venite silenziosamente “catalogati” ed accompagnati nell’area più adatta alle vostre esigenze.

Alle famiglie con bimbi “under 14” suggeriamo la sala aperta vicino al nostro Kinder Park (saletta giochi) dove i piccoli possono giocare e fare rumore senza disturbare i genitori, propri, e degli altri. I bambini sono energia pura ma sono anche il riflesso di quel che vedono negli adulti. Un’educazione al rispetto per il prossimo è sempre cosa gradita ma certamente non è un ruolo che possiamo avere come gestori e proprietari del ristorante. Ecco che, dopo aver mangiato, le famiglie possono tornare a chiacchierare lasciando, in sicurezza, i loro figli ai giochi con la possibilità di controllarli dall’ampia finestra (precisiamo che la saletta giochi non è sorvegliata dal nostro staff e la completa responsabilità è a carico dei genitori).

I clienti amanti degli animali, cerchiamo di accompagnarli nell’apposita area dove possono tranquillamente accedere senza venir visti come un impedimento. Anche in questo caso, l’educazione o l’atteggiamento dell’animale dipende da come è abituato a comportarsi in ambienti estranei al proprio, ma fino ad oggi abbiamo avuto solo esperienze positive.

Per tutti  quindi ci sono le zone “preferenziali” di destinazione, in modo da poter passare, il più possibile, una serata secondo il proprio “mood”.

E quindi? Si, è vero, ci stiamo provando ad essere Child-friendly, dog-friendly, couple-friendly, company-friendly, family-friendly senza che questo imponga il divieto a qualcuno di entrare da noi e passare una bella serata.

Ci siamo riusciti?

Questo non lo giudichiamo noi.

Fatelo voi, lasciando un commento qui o sulla nostra pagina Facebook.

Yes, Weedoo it!

 

Share
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0

Lascia un commento